Ricominciare…che fatica!

Ogni mattina mi sveglio, apro gli occhi e attraverso una breve fase di sospensione in cui non penso a niente. Subito dopo comincio a pensare alla giornata che mi attende e a darle un senso. Non tutte le mattine sono uguali. A volte mi sento carica e felice, altre volte posso sentirmi un pò triste e malinconica. Continua a leggere Ricominciare…che fatica!

Bilancio 2017 e propositi 2018

L’anno 2017 è stato un anno disastroso. E’ cominciato con un profondo e duraturo periodo di crisi interiore. Dopo pochi mesi dall’inizio dell’anno e in un momento in cui stavo ancora molto male , mi sono lasciato con la mia ex ragazza (dopo 2 anni di relazione) .

L’inizio di un’odissea

Dopo nemmeno 1 mese dalla rottura,  ho avuto un ricovero in reparto psichiatrico (il primo di 3 ricoveri avuti nel 2017) per poi essere trasferito in una comunità per tossicodipendenti che però non faceva per me. Sono resistito in questa comunità per 4 mesi per poi tornare per la seconda volta dell’anno in reparto. Dopo un mese a Villa Napoleon e un altro mese in reparto il 13 dicembre sono giunto qui alla Meridiana.

Fine dell’odissea e inizio di un viaggio

Qui mi trovo bene e i miei progetti per l’anno nuovo sono: dimagrire ed iniziare un tirocinio. Sono felice e speranzoso perché qui alla Meridiana mi aiutano a fare questo. Vorrei inoltre avere la possibilità di fare un corso per diventare panettiere e sono felice perchè il mio operatore mi ha detto che la cosa è fattibile e mi ha spronato nel farlo.

Ringrazio tutti gli operatori ed i ragazzi della comunità per il sostegno che mi danno e mi auguro di partire al meglio per questo 2018.

Kurt

NO LIMITS!

VIVIAMO PENSANDO CHE “NON POSSIAMO” FARE UN SACCO DI COSE SEMPLICEMENTE PERCHE’ UNA VOLTA, QUANDO ERAVAMO PICCOLI, CI AVEVAMO PROVATO ED AVEVAMO FALLITO!

Cammina

Da quando sono qui in Meridiana, ho superato diversi limiti positivi tra cui: sono riuscita a perdere kg grazie allo sport, al supporto essenziale degli operatori della Meridiana, ho frequentato anche i disturbi alimentari con una psicologa davvero competente.

Per quanto riguarda la mia malattia, ho superato certi atteggiamenti: riesco a gestire bene la rabbia, che per me era “un tallone d’Achille” e ho acquisito più pazienza e più costanza. Come ultimo obiettivo rimane “affrontare” il mondo del lavoro cioè: relazioni con colleghi e superiori, costanza e gestione delle frustrazioni. Fin’ora ho sempre fallito nelle mie precedenti esperienze lavorative. Tanto che mi ero rassegnata all’idea che non sarei mai riuscita nell’intento. Ma ora mi sento pronta a vincere questo mio limite, in quanto mi sento più sicura di me e non mi sento abbandonata, anzi, insieme alla Meridiana e alla mia famiglia sento che sarà un successo!

La Lu

Io e la Meridiana

Volevo raccontare una storia…

Sono alla Meridiana da quasi 5 mesi e da quando sono entrato, non so perché e non so come mai, tutto nella mia vita è cambiato.

Non so cosa è successo ma da quando sono entrato ho avuto a che fare con situazioni che prima non mi stavano bene o che non riuscivo ad affrontare.

Può sembrare strano ma da quando sono qui provo sensazioni che avevo sepolto da sempre. Sono diventato più fiducioso con me stesso e mi voglio molto più bene rispetto a prima. Provo sensazioni di felicità e sono davvero felice del percorso che sto facendo. Posso dire ora che provo sensazioni bellissime che mi sono entrate dentro da quando ho cominciato ad avere a che fare con le persone, stare tutti i giorni a contatto con loro e confrontarmi mi ha reso più forte e sicuro di me stesso; posso dire che sto bene e sono felice…

Chiudo dicendo di continuare così coltivare e dare continuità a queste sensazioni,

che dire dopo il tunnel c’è la luce.

FRA P

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Bilancio annuo di Francesco: 2014 e 2015

Buongiorno cari lettori di FUORI DI BLOG, sono Francesco, sono arrivato in Meridiana il 10/2/2014 all’inizio non volevo starmene qui come un po’ tutti credo!!! Però poi mi è “scattata la molla” e mi sono fatto accogliere dallo staff della struttura (Meridiana) dove ho conosciuto molte persone, e sono persone belle perché ci aiutano nelle varie difficoltà quotidiane e non solo!!!! Devo dire che sono “cresciuto molto” grazie a loro anche se ci ho messo tanto di mio, ed è passato un anno e qualche mese, adesso fare i conti precisi mi riesce difficile, mi sono sentito accolto, e molto bene anche se all’inizio è stata dura perché insomma posto nuovo, gente nuova….è come lasciare la strada vecchia per la nuova circa, mi sono sentito così come un pesce fuor d’acqua; il mio arrivo in Meridiana è stato molto significativo perché ho imparato cose nuove di me che non conoscevo, e questo grazie anche ai gruppi terapeutici almeno per me; gli eventi straordinari sono: sporadiche gite almeno nell’arco cioè periodo di tempo di un anno circa, per sporadiche intendo che sono spezzate tra loro rispetto ad una vacanza estiva che è lunga; è il “nocciolo” che vi voglio raccontare ora, la mia Estate e i miei propositi futuri; abbiamo organizzato uscite con il gruppo tempo libero eh già!!! Che pensate che in Meridiana non si fa niente?…invece no! Ci sono anche i gruppi da “sopportare” perché servono anche quelli; abbiamo organizzato anche gite al mare ecc… ed ora una nuova stagione; l’aria qui è già della serie “tutti al lavoro che tra un po’ inizia Settembre” anzi è già iniziato…è qui stiamo “lavorando” per voi lettori di Fuori di Blog ed un grazie molto speciale per voi che leggete il nostro “lavoro” grazie mille!! Per il tempo dedicato a leggere il Fuori di Blog, vorrei e vi auguro tante cose positive; io tra qualche giorno inizio in P.N.L. del Gruppo Polis per iniziare il mio terzo tirocinio, il bilancio è positivo grazie a tutti del tempo dedicato a leggere!! Un SALUTONE!!!!

Lati positivi e lati negativi in CTRP

Caro lettore,

mi viene da dire che ci sono molte cose negative e positive che si incontrano entrando in comunità. Parto dalle meno favorevoli, così via il dente, via il dolore. Per un periodo ho sentito la nostalgia di casa e la voglia di ritornarci, ma gli operatori mi hanno fatto capire che trovare una soluzione più autonoma è meglio. Ho provato rabbia e delusione verso tutti, diciamo che ora me ne sto facendo una ragione, e quello che resta è un po’ di paura per il futuro, anche se devo dire che sento molto la vicinanza degli operatori in questo cammino per l’autonomia.

Il bello è invece che qua in Meridiana ho trovato delle persone con cui confidarmi, persone con cui non mi vergogno se non ho niente da dire, basta la compagnia. In questo momento mi sento contornata da persone che mi fanno star bene e sono felice.

Valentina

Estate e…una nuova stagione

È trascorsa l’estate e ora ci si avvia verso una nuova stagione. Durante l’estate sono state fatte più gite in comunità: alla Biennale di Venezia in giugno, a Padovaland e al mare di Sottomarina in luglio. C’è stata inoltre la possibilità di organizzare vacanze e io sono stato con mia mamma cinque giorni sul mare di Misano, nelle marche.

Il resto dei giorni li ho spesi in comunità, cercando di tenermi impegnato tra computer, lettura, film e serie TV. I giorni sono trascorsi abbastanza bene a parte qualche momento in cui mi trovavo con altre persone e subentrava un’ansia particolare di dover dire qualcosa per uscire dall’imbarazzo del mio silenzio abituale.

A Misano è andato tutto bene a parte un giorno, in visita a Sant’Arcangelo di Romagna, in cui mi trascinavo per la stanchezza.

Dopo una pausa dalle attività pomeridiane in Meridiana di due settimane, si è ricominciato e ci si avvia verso una lunga nuova stagione.

Vorrei trovare un lavoro per cominciare a farmi un’idea delle mie capacità poste davanti dei ritmi da sostenere.

Intanto sto cercando insieme al mio operatore di riferimento una squadra sportiva in cui inserirmi, possibilmente di pallavolo. Considero questa un’ottima occasione per inserirmi in un contesto sociale anche divertente dove fare pratica di relazioni.

Mi auguro di diventare più sicuro di me, conoscermi di più e avere occasioni di uscita con i miei amici o con persone nuove senza agitarmi troppo e magari divertirmi.