Intervista a Cristina

Cristina R, ex utente diurna della CTRP, è stata da poco assunta a tempo indeterminato in una importante azienda. Cristina ha partecipato al progetto TANDEM, un percorso graduale di inserimento lavorativo. Ecco l’intervista fatta da alcuni ragazzi che stanno iniziando adesso un percorso simile.

Buona lettura

Come ti sei sentita quando ti è stato proposto il progetto Tandem?

Cristina: Il progetto era di iniziare con due ore ogni 2-3 giorni, via via aumentando. All’inizio ero un po’ preoccupata; ho già avuto diverse esperienze nei supermercati, però era da un po’ che ero ferma, e quindi non sapevo memorizzare le cose, le corsie. Da noi è molto grande, ci sono 31 corsie, è immenso.

Quali timori hai avuto all’inizio? Ci hai creduto fin dall’inizio, o eri scettica?

Forse un po’ scettica, anche perché era stata un’estate un po’ particolare, però ho provato anche a fidarmi del mio istinto. Se avevo bisogno di qualcosa chiedevo a Barbara, la mia tutor (il caporeparto della profumeria); mano a mano che avevo bisogno chiedevo, ed ero più tranquilla.

Quanto tempo sei stata in Meridiana prima di iniziare il tandem?

Ho fatto uno stacco e poi sono tornata; sono arrivata nel 2006. Forse 4 anni, ma con lo stacco. Poi ho fatto anche Servizio Civile nel 2008-2009.

Il passaggio dal servizio diurno al progetto Tandem è stato difficile?

Più che altro all’inizio avevo un po’ di stress, per prendere l’autobus, venire qua (in CTRP) a mangiare. Però sono stata seguito molto bene da Lorenza, all’inizio veniva a prendermi, quindi sono stata molto monitorata.

Avevi già avuto altre esperienze lavorative al di fuori della Meridiana?

Sì. L’ultima risale al 2008, quando avevo fatto un anno di Servizio Civile a Campo San Martino con i disabili.

Come ti sei sentita a sostenere i colloqui di lavoro?

Sono sempre un po’ nervosa, perché non sai mai cosa ti chiedono, cosa dire, hai paura di sbagliare. Però sono andati. L’unica cosa che mi ha detto il Direttore (che adesso è da un’altra parte) è che all’Interspar si lavora tanto; ma penso anche in altri lavori, non solo lì.

Come hai gestito l’ansia del primo giorno? Cos’hai provato rispetto alle varie mansioni? C’era ansia?

Devo aver fatto un paio di ore il primo giorno, ho iniziato a sistemare la merce, a posizionarla. Avevo un po’ di ansia, ma c’era sempre la Lorenza come un falco! Poi mi avevano concesso anche di fumare durante la pausa… La pausa aiuta secondo me.

Come hai gestito le situazioni più stressanti, per esempio con colleghi poco accoglienti, clienti scortesi? Come ne sei uscita?

Capitano anche adesso, dopo tre anni. Succede, anche perché adesso, da un po’, abbiamo il badge e dobbiamo metterlo sulla maglietta. Colleghi scortesi: ce n’è uno, ma tutti lo evitano.

È più facile con i colleghi o con i clienti scortesi?

Vado abbastanza d’accordo con quasi tutti i colleghi. Con i clienti dipende da cosa vogliono, perché a volte non hanno le idee chiare, magari vedono una pubblicità, vengono lì e vogliono subito il prodotto. Ma noi spieghiamo che non è proprio così, perché dipende da chi è in ufficio, devono controllare prima e il prodotto funziona o no, e poi lo mettono in vendita. C’è la “strategia di marketing”.

Ti sei sentita integrata nel gruppo di colleghi, e quanto ci hai messo?

Sì, anche perché poi sono dovuta andare anche in altre corsie (corsia del caffè, delle brioche, delle patatine, un po’ di tutto).

Hai mai pensato “mollo tutto” nel Tandem?

Forse sì. Io sono una persona esigente verso se stessa, quindi quando vedevo che non facevo una cosa molto bene, mi scocciava un po’. Sono un po’ perfezionista sul lavoro.

Che cosa ti ha fatto superare l’idea del “mollo tutto”?

Il lavoro mi piaceva, avevo la Barbara come mio punto di riferimento, e il lavoro per me era una grande soddisfazione e ho raccolto i suoi frutti.

Quali sono le motivazioni che ti hanno sostenuto durante il progetto Tandem?

Riuscire negli obiettivi che avevamo concordato.

Sei riuscita a renderti indipendente del tutto nella parte finale del progetto Tandem?

Alla fine sì, perché dopo il monitoraggio prendevo l’autobus da sola; al lavoro ero autonoma.

Com’era il rapporto con i tuoi superiori?

C’è un buon rapporto. Non mi mettono soggezione, se non urlano!

Cristina ti è capitato di diventare amica di qualche collega?

Mi è capitato con Barbara che siamo uscite a mangiare con mio papà e mio fratello, per il resto no..

È difficile alzarsi al mattino in tempo, prendere gli autobus ed essere al lavoro in orario?

Qualche volta è difficile alzarsi, però vado a letto presto e avevo due sveglie. In tre anni non ho mai avuto ritardi.

Come ti sei trovata ad avere dei soldi da gestire?

All’inizio nel Progetto Tandem non si prendono molti soldi. Però quando ottieni il contratto a tempo determinato, le cose cambiano, perché con le 24 ore io prendevo molti più soldi, e ovviamente la pensione ti viene tolta. La gestione dipende dalla situazione in cui uno vive: se vive con i genitori, se vive da solo, se deve dare soldi in casa.

Dà soddisfazione ricevere il primo stipendio?

Sì, certo! Perché dici “alla fine me li sono guadagnati”.

Che mansioni hai svolto durante il Tandem?

Andare in magazzino, sbancalare (che vuol dire togliere il nylon dalla merce, prendere la merce e portarla in corsia), mettere a posto, fare le etichette, togliere i cartellini delle offerte vecchie per mettere quelli nuovi, fare le testate. Ci sono un sacco di cose!

Di cosa ti occupi adesso?

Per il momento sono in profumeria. Di solito sono lì, però se c’è bisogno vado anche in altre corsie. Uso anche il traspallet per portare fuori i bancali e riportarli dentro.

Ti risultano pesanti le ore di lavoro? Le pause sono sufficienti?

Dal lunedì alla domenica io faccio 4 ore al giorno, sono 24 ore settimanali tranne il venerdì, che è il mio giorno libero. Lavoro sia il sabato che la domenica. Ci sono giorni in cui dobbiamo fare le testate nuove, l’area nuova per le offerte, e quindi c’è una mole di lavoro maggiore.

Ti piace il lavoro che fai, o ti piacerebbe cambiare? Ti senti realizzata?

Sì, il lavoro che faccio mi piace e mi sento realizzata. Mi piace stare al contatto con il pubblico e anche il fatto di poter mettere i cartellini delle offerte nuove. Se c’è qualcosa che non va ne parlo con Barbara.

Ti senti responsabilizzata rispetto al lavoro che fai?

Credo che in tutti i lavori hai delle responsabilità; noi ce le abbiamo verso i clienti e anche verso i colleghi, se vediamo che qualcosa non va o dobbiamo dare delle spiegazioni alla clientela.

Essere assunta come “categorie protette” ha avuto dei pro e dei contro?

No. In generale non si fanno sconti a nessuno, ognuno deve fare il suo lavoro.

Rifaresti questa esperienza? La consiglieresti a qualcuno?

Sì, la rifarei sicuramente, anche perché con il Tandem si parte gradatamente. Sai che hai dei punti di riferimento, hai il tutor, hai gli educatori, e se c’è qualche problema parli con loro.

Qual è la differenza tra cosa chiedere al tutor e cosa chiedere all’educatore?

Dipende anche dal tipo di lavoro. Magari con l’educatore puoi parlare delle tue paure, delle tue ansie, mentre al tutor puoi chiedere se hai dubbi sul lavoro, su come fare una cosa in una determinata maniera, un consiglio pratico. Con l’educatore parli di alcune cose, con il tutor di altre; a me è capitata Barbara che è una persona buona, però magari non tutti sono così.

Quali emozioni hai provato quando ti hanno comunicato che il contratto sarebbe passato a tempo indeterminato?

Gioia, perché ero appena tornata dalle vacanze, era il 14 luglio, e ho firmato il contratto con il Direttore. Ero tanto felice! Sono riuscita a raggiungere l’obiettivo che mi ero prestabilito; ti dà una maggiore sicurezza. Però una persona non deve adagiarsi sugli allori, anzi deve essere una spinta in più per continuare e fare ancora meglio. Bisogna imparare a fare un po’ tutto.

Avere un lavoro quanto ti ha agevolato rispetto ai tuoi problemi psicologici?

Avere un lavoro secondo me è utile, perché intanto hai la testa impegnata, sai che in quelle 4 ore devi fare quelle determinate cose, e quindi devi esserci sia con la mente che con il corpo. Non puoi essere con la testa da un’altra parte.

Che differenza noti tra il tuo passato e il presente?

 Il presente lo vedo più stabile, il passato era un po’ più confuso. Il lavoro mi ha aiutato sicuramente in questo.

I tuoi familiari sono contenti?

Sì sono contenti; mio fratello se lo aspettava, mio padre mi è stato addosso parecchio (non fare ritardi ecc..), i genitori sono così, sono un po’ rompiscatole!

Adesso che hai meno tempo libero, come lo gestisci?

Io ho quasi tutti i pomeriggi liberi e il venerdì. Adesso che vivo nell’appartamento, devi fare lavatrici, pulire casa, fare la spesa; le cose che si fanno normalmente.

Quando sei a casa riesci a staccare emotivamente dal lavoro?

Si. Magari quando esco dal lavoro ci penso, però poi passa.

Come ti immagini il prossimo futuro lavorativo?

Roseo come questo, spero! Spero bene. So che a gennaio la profumeria verrà spostata, non sarà più vicino all’entrata ma sarà dove ci sono le cose elettroniche. Però penso che andrà bene.

Lavoro oggi tra utopia e realtà

  • Miraggio Con la situazione di crisi economica attuale e la conseguente disoccupazione trovare un lavoro è un obiettivo molto difficile da raggiungere.
  • Impegno Quando si ha un lavoro bisogna impegnarsi per portarlo avanti anche quando ciò comporta dei sacrifici tipo alzarsi presto la mattina, gestire l’ansia da prestazione, sopportare l’arroganza di qualche collega e l’occhio critico del capo.
  • Autonomia La conseguenza più bella del lavoro è l’autonomia, guadagnando col proprio sudore quanto basta al proprio sostentamento: questo significa anche essere soddisfatti di sé.
  • Diritto La Costituzione Italiana afferma che il lavoro è un diritto della persona. In pratica però questo diritto non è affatto garantito: bisogna armarsi di grinta e pazienza per portare curriculum vitae nei pochi posti che cercano personale, ed essere contattati anche per una risposta negativa è spesso un’utopia.
  • Ansia Recarsi nel posto di lavoro può anche comportare una certa dose di ansia che se non è troppo alta può aiutare nello svolgimento del compito a livelli buoni o ottimali.

Compleanno di Fabrizio 25 settembre 2015

Qualcuno ha detto che dobbiamo essere come gli alberi, rinnovare continuamente le foglie, ma mantenere le radici, anzi rafforzarle e affondarle nel terreno della vita sempre di più.

Le foglie sono il nostro essere in rapporto al resto del mondo, quello che cresce e si modifica, le idee, i progetti, le scelte, le radici sono ciò che abbiamo nel profondo, quello in cui crediamo.

Con questo essere vivente, simbolo per noi oggi di una vita umana vissuta, ci è più facile sentire Fabrizio come una presenza viva, che ha dato tanto e ciò che ha seminato continua a vivere e svilupparsi, rinnovarsi e moltiplicarsi: è la logica dell’amore, che non muore, non può morire, perché chi si è sentito amato mantiene dentro una forza e una ricchezza che non ha prezzo e che trasmette a tutti quelli che avvicina.

Grazie a Fabrizio e alla vita vissuta e intrecciata con tutti noi, grazie a mamma e papà che gli hanno trasmesso tutta la sua voglia di vivere, grazie a tutti coloro che lo ricordano oggi e continuano come lui a lavorare per un mondo più giusto.

Crimine o necessità?

Un mese fa circa è avvenuto un furto di 8 biciclette in Meridiana, una delle quali era mia.

I ladri sono entrati tagliando la rete proprio davanti ai portabiciclette, nel cuore della notte. Il fatto mi fu annunciato da Michele la mattina seguente, proprio mentre mi ero preparato a prendere la bici per andare a fare colazione fuori. Mi sono sentito scoraggiato e dispiaciuto, e anche un po’ in colpa dato che la mia bici non l’avevo legata, cosa che avrei dovuto fare per rendere ai ladri più difficile il compito, o quantomeno per poter dire a me stesso di aver fatto tutto quello che potevo fare.

Lì per lì, a furto avvenuto, le frustrazioni e i pensieri vittimistici possono essere tanti, ma uno che non riesco a non considerare è che di quella bici, forse, avevano più bisogno i ladri che me.

A me è capitato di rubare soldi ai miei genitori, quando non c’era verso che me li dessero spontaneamente. In quelle situazioni nessuna morale è importante, si ha bisogno di qualcosa che nessuno è disposto a darti, per cui si arriva a sentirsi costretti a mettere in atto un furto.

Penso che l’unica maniera di prevenire atti del genere sarebbe una più equa distribuzione delle risorse economiche tra tutti gli abitanti del territorio.

Disse un uomo in passato: “È più criminale derubare una banca o fondarne una?”

Desideri

Tutti abbiamo dei sogni che vorremmo realizzare. Ecco un’illustrazione dei miei desideri personali: beh prima di tutto vorrei guarire dal mio disturbo mentale e devo dire che non lo vedo un sogno impossibile in quanto qui in Meridiana sto facendo un bel percorso di consapevolezza dei miei problemi e di crescita personale; come secondo desiderio c’è quello di farmi una famiglia, o meglio, la famiglia che mi è sempre mancata. Ecco una panoramica del valore per me di famiglia: l’amore sincero e reale con il mio compagno, che sia talmente forte da accompagnarci per tutta la nostra esistenza e tale da mettere le basi per crescere il frutto del nostro sentimento: i nostri figli. Dico figli perché ne vorrei almeno due in quanto io sono figlia unica e mi è sempre mancata la spalla di un fratello/sorella con cui confrontarmi e consolarmi. Vorrei una famiglia all’insegna della comprensione, equilibrio, amore, gioia e condivisione. Non penso che sia un’utopia ma bensì un traguardo da raggiungere. Per dare vita a questo magnifico desiderio ho nel cuore la volontà di ricostruire i rapporti della mia famiglia d’origine: io e i miei genitori abbiamo tanti momenti da recuperare insieme, poiché fin da piccola ci sono stati dei pesanti contrasti tra di noi che non elenco perché c’ho messo una bella pietra sopra. Per concludere vi lascio con una citazione di un film che farà riflettere: DON’T DREAM IT BE IT!
Ovvero non fermarti a sognare solo ma vivilo in pieno!

Un furto inaspettato

Circa un mese fa, nella Comunità “La Meridiana” è avvenuto un furto di otto biciclette. I ladri hanno rotto la rete di recinzione ed hanno portato via le bici durante la notte. La mattina seguente un infermiere si è accorto del furto ed ha chiamato i carabinieri; quindi è stata fatta la denuncia. I proprietari delle bici erano quasi increduli e sono stati presi da un senso di impotenza e rabbia. A facilitare l’opera dei ladri, poi, è stato il fatto che quasi tutte le bici, in virtù della buona fede dei proprietari, non erano chiuse col lucchetto. E così, delusi e arrabbiati, ancora oggi, alcuni dei derubati si spostano a piedi in attesa di comprare un’altra bicicletta. Ciò significa una notevole diminuzione della loro autonomia ed un aumento notevole dei tempi di spostamento. Da questa esperienza si capisce che i malintenzionati agiscono quando meno ce lo aspettiamo e che sono senza scrupoli poiché entrano nei cortili e se ciò non bastasse anche nei garage e nelle case.

La casa dei miei sogni

In tutta la mia vita ho sempre desiderato di avere una casa mia in cui vivere condividendo gli spazi o con un compagno o delle amiche. Spesso fantastico che quella casa mi piacerebbe vederla costruire dalle fondamenta in poi preferirei fosse una casa singola a due o tre piani con un modesto giardino sul quale piantarci un orto e anche farci vivere un cane. I muri interni li colorerei : il salotto di giallo canarino e anche l’entrata, le stanze da letto di blu o viola; l’arredamento a me piace molto il “vintage” o il country. Lascerei il salotto senza un divano ma metterei delle sedie comode imbottite con dei cuscini. Le pareti le adornerei con dei quadri dipinti da me. L’ambiente da giorno della casa deve essere luminoso; come luogo dove piantare radici sceglierei la città o la provincia. Io in questa casa ci andrei a vivere con un compagno o delle amiche.

Quando giocavo in mezzo ai buchi

A partire da quando avevo sei anni fino ai 10, io e i miei coetanei di scuola andavamo a giocare tutti insieme, lì vicino, dove abitava il mio primo morosetto, coetaneo. Ero molto felice, spensierata, insomma…una bella bambina. Perciò andavamo d’amore e d’accordo e così… Ci siamo messi insieme.

Dico di più: la mamma del mio primo morosetto faceva tante feste in taverna, a volte solo io e lui, ed ero molto soddisfatta.

Poi, con l’andare degli anni ci siamo divisi e perciò e non ci siamo più visti e non riconosco più nessuno dei miei coetanei da quando eravamo piccoli. Non sto scherzando.

Mi auguro un giorno di rivederci dopo tutti questi anni, arrivati a ben 40 anni con la quale, lunedì 23 febbraio 2015 sono negli anta.

Mi dispiace non aver visto più nessuno. Con questo chiudo. Concludo augurandomi di festeggiare tutti noi.

Ciao coetanei ma soprattutto il mio primo morosetto.

Alcool disease

Ricordo raramente ancora la prima volta che ho bevuto uno spritz in centro con amici: ero agitatissima, avevo paura di parlare con amici di amici, mi sentivo come se dovessi cantare davanti a una folla per la prima volta. Insomma avevo proprio bisogno di un “calmante istantaneo”. E fu così che io e il maledetto spritz facemmo “ conoscenza”. Di lì a poco mi resi conto che di quella “pozione rossa amara” non potevo più farne a meno perché mi aiutava a essere più rilassata, più simpatica e più affascinante… ora dico che erano cavolate che ho dovuto pagare sulla mia pelle. Dal primo alcolico all’ultimo sono passati ben 5 anni… avevo un serio problema di dipendenza da alcol. Per mia fortuna ero già in cura da una neuropsichiatra infantile che mi indirizzò, al compimento dei 18 anni, al SerT di Padova. Io e la mia nuova psicologa andammo subito in sintonia: le raccontavo tutto (soprattutto le cavolate che facevo in giro) poiché mi fecero sentire a mio agio e per niente in imbarazzo. Mi ha seguito per tutti i 5 anni, facendomi sentire meno sola ad affrontare questa dipendenza. Furono anni molto duri, facevo un passo avanti e due indietro. Mi sentivo una fallita, mi vergognavo di me stessa e delusi tanto chi mi vuole bene. Ma alla fine portandomi dietro molte ferite ce l’ho fatta!! L’alcool non fa più parte della mia vita, e se sono fiera di me stessa è solo grazie alla mia fatica.

Lu

Cosa significa essere depressi

Sono Giuliana, è da circa 2 anni che mi trovo in Meridiana.

In questo periodo mi trovo in grossa difficoltà per un malessere mio interiore che mi provoca angoscia e attacchi di panico.

Se ripenso al mio passato mi sembra impossibile di avere questo stato d’animo. Ho lavorato per circa 30 anni come confezionista, era un lavoro che mi piaceva e mi dava tante soddisfazioni. Ora come ora, non riesco più a concentrarmi anche nelle cose più semplici. Penso con tanta nostalgia a quel periodo della mia vita quando mi sentivo soddisfatta e appagata. Penso sia fondamentale nella vita di ogni individuo, avere un lavoro e non sentirsi come un parassita nella società.